RT REGISTRATORE TELEMATICO

LA LEGGE
Con la nuova Legge di Bilancio 2019 o meglio con l’entrata in vigore del decreto fiscale 2019 quella che finora è stata una opzione diventa obbligo reale. L’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, prevede che, a decorrere dal 1° luglio 2019, gli esercenti che effettuano le operazioni di cui all’articolo 22 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, debbano memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi giornalieri. 
L’obbligo scatta in periodi diversi a seconda del volume d’affari:

  • Dal  1° luglio 2019 per i contribuenti con ricavi sopra i 400 mila euro
  • Dal 1° gennaio 2020 per tutti gli altri soggetti
Chi memorizza elettronicamente e trasmette telematicamente i dati dei corrispettivi, non solo non è più tenuto ad emettere gli scontrini e le ricevute fiscali, ma è anche esentato dall’obbligo di tenuta del registro dei corrispettivi.
 
OPERATIVITA'
Rispetto all’uso del registratore di cassa non cambia nulla: si digiteranno i dati delle operazioni commerciali e si effettuerà, a fine giornata, la chiusura di cassa giornaliera. In tale momento, l’apparecchio autonomamente elaborerà i dati dei corrispettivi preventivamente memorizzati, predisporrà e sigillerà elettronicamente un file (XML) contenente i dati e lo trasmetterà all’Agenzia delle Entrate in modo sicuro (garantendo autenticità e integrità del contenuto del file).
 
VANTAGGI
  • Risparmio dei costi perché non occorre più conservare carta e perché la verificazione periodica è biennale.
  •  Emissione di un documento che ha solo validità commerciale (ad esempio come garanzia).
  •  Dal 1° gennaio 2020 possibilità di partecipare alla Lotteria dei corrispettivi.

Per saperne di più: